Sei in » Home » Guide » Guide & tips 

Le catene di S.Antonio ovvero le bufale del web


Inserito da G. Meneghelli | letto 4672 volte |  



Considerazioni e suggerimenti per non diventare noi stessi vittime delle bufale della rete e delle catene si Sant'Antonio.

Saltuariamente giungono nelle nostre caselle postali elettroniche, lettere nelle quali si descrivono fatti, richieste di aiuto, esortazioni, richieste di denaro, ecc. con la preghiera di girare il messaggio ad altre persone, innescando così una catena di messaggi chiamata comunemente catena di S.Antonio.

Prima di girare una e-mail e quindi diventare voi stessi distributori di spamming, verificate su internet la veridicità o la falsità del messaggio

A volte basta fare una semplice ricerca con Google, digitando alcune parole chiave presenti nell'e-mail ricevuta, per trovare fonti di informazione a riguardo.


Ma che male fa diffondere una catena di Sant’Antonio?


Riporto alcune considerazione e consigli del giornalista Paolo Attivissimo:

- Quelle che parlano di sostanze tossiche presenti nei prodotti più disparati danneggiano le aziende che li producono: questo significa danneggiare inevitabilmente anche i loro lavoratori.

- Diffondere una bufala vi fa fare la figura degli ingenui che abboccano a qualsiasi storia senza prendersi la briga di verificarla e senza neppure chiedersi se sia plausibile.

- Le catene spedite dal posto di lavoro vi possono costare il lavoro! Spesso i programmi di posta aggiungono
automaticamente in coda a ogni messaggio il nome del mittente e quello dell’azienda o dell’istituto presso il quale lavora il mittente. Il risultato è che una catena spedita dal posto di lavoro sembra “autenticata” dall’azienda/istituto, che difficilmente gradisce che il proprio nome venga abusato da un dipendente e associato a una bufala.

- La diffusione di false notizie può portarvi in tribunale. Sono a conoscenza di almeno un caso in Italia in cui l’incauta diffusione di un appello ha avuto conseguenze legali per chi l’ha fatto circolare. Non posso dare dettagli perché mi è stato chiesto di non darli proprio per evitare ulteriori danni alle società e alle persone coinvolte.

- Quelle autentiche che contengono appelli per curare persone malate spesso proseguono per anni dopo la morte della persona citata. Di conseguenza, i familiari continuano per anni a ricevere offerte di aiuto che non solo sono assolutamente inutili, ma ricordano loro ogni giorno la scomparsa di una persona cara. Voi come vi sentireste, se ogni mattina vi chiamassero in tanti al telefono per chiedervi come sta vostra figlia morta di leucemia?

- Grazie all’inesperienza degli utenti della Rete, le catene viaggiano con centinaia di indirizzi di e-mail al seguito. Gli spammer (i pubblicitari-spazzatura di Internet) usano queste catene per raccogliere indirizzi a cui mandare la loro assillante pubblicità più o meno pornografica, virus e compagnia bella. Se partecipate a una catena di sant’Antonio, anche il vostro indirizzo finirà nelle liste degli spammer.

- Questi messaggi diventano spesso enormi (150 K e passa) a furia di accumulare indirizzi in coda. Questo significa che ci vuole tempo per scaricarli, e il tempo è denaro, per chi si collega a Internet con il telefono o il cellulare. In altre parole, spedire catene di sant’Antonio costa: costa a chi le riceve oltre che a chi le manda.



Ecco alcuni indirizzi utili sul web:

  Servizio anti-bufala
Il sito Anti-bufale e inchieste del noto giornalista Paolo Attivissimo. Qui troverete analizzati in dettaglio miti e leggende del web, fatti accaduti e misteriosi. Aggiornamenti via web e newsletter per conoscere le Bufale che girano in rete

  CEntro per la RAccolta delle VOci e delle Leggende Contemporanee
Sito un po' datato ma che contiene informazioni interessanti.




Tags: Varie, Internet, Sicurezza

 Lidweb.it si basa sul lavoro di un'unica persona.
 Aiutami con suggerimenti, correzioni e segnalazioni scrivendo
 al mio indirizzo lidweb@lidweb.it
 Sostieni il blog cliccando sul banner pubblicitario. Grazie.



Partner e amici 
» Lidweb on Flick
» Esibiti
» Mediterraneavirtual
» Vigasio.net

About
» Chi sono
» E-mail lidweb@lidweb.it
» RSS
Note sul sito e l'autore
Lidweb.it è un blog indipendente che dal 2000 si occupa di tecnologia e internet.
Pubblica guide, consigli e recensioni su software gratuito.
L'autore, Giampietro Meneghelli, utilizza da sempre i computer, dai primi PC DOS fino agli attuali sistemi a 64 bit.
Conosce la programmazione, l'informatica e le nuove frontiere del mobile.
Segue l'evoluzione del web nei suoi aspetti sociali.

Copyright © 2000-2016 |  Script and theme by Giampietro Meneghelli vers. 1.03  | Backup script MSSql by R. Osto | Icons by Fortawesome
Contenuti pubblicati secondo la licenza di utilizzo Creative Commons, salvo diverse indicazioni.
L'autore non si assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori nei contenuti. Marchi registrati dai rispettivi proprietari.